AdobeStock_185568795.jpeg

AUTOANALISI PSA

PSA

Antigene Prostatico Specifico, si tratta di un parametro correlato alla salute della prostata. Una volta era ritenuto il valore di riferimento per lo screening del tumore della prostata, tuttavia studi recenti hanno dimostrato come quest'azione preventiva porti spessi a sovratrattamenti, dal momento in cui il tumore alla prostata ha un'evoluzione lentissima e il solo PSA non è rappresentativo in maniera univoca della presenza di tumori.

I motivi per cui il PSA può crescere sono:

  • tumore alla prostata

  • ipertrofia prostatica

  • infiammazione prostatica (prostatite)

 

In assenza di sintomi, dopo i 50 anni misurare il PSA a scadenze di 2-5 anni può essere utile perché, nei casi in cui ci siano delle variazioni importanti, un medico valuterà se approfondire con ulteriori esami. Un valore di PSA fuori standard infatti potrebbe anche semplicemente essere dovuto ad iperplasia prostatica benigna o ad un'infiammazione, non tanto alla presenza di un tumore.

Un'altra utilità della misura del PSA può essere in seguito a rimozione della prostata (ad esempio, dovuta alla presenza di adenocarcinomi). In questo caso infatti il PSA sarà molto basso, perché la prostata è il maggior produttore di questa molecola e in mancanza di essa rimane solo una piccola concentrazione, quasi non rintracciabile.

I valori di riferimento sono 0-4 ng/ml.