PLETISMOGRAFIA

person-touching-her-legs-with-her-fingers.jpg

La pletismografia è un metodo non invasivo che serve a stimare i cambiamenti di volume di un'estremità. Dal momento in cui gli altri tessuti mantengono costanza di volume durante il breve periodo del test, qualsiasi differenza rilevata si riferisce a cambiamenti nel volume sanguigno.

Questo esame può essere raccomandato dal medico, in caso ci sia un sospetto della presenza di coaguli a livello delle gambe. I sintomi sono arrossamento, calore, sudorazione e tensione cutanea. Si tratta di un esame diverso dall'arteriogramma, ma meno invasivo e più economico, che lo rende adatto a tutta la popolazione.

 

Chi dovrebbe fare questo esame?

Chiunque pensi di avere problemi di insufficienza venosa agli arti inferiori, meglio se dopo averne parlato col proprio medico di base. In ogni caso, è sempre possibile venire direttamente in farmacia a svolgere l'esame nelle giornate dedicate.

 

Come si svolge?

Non serve spogliarsi, ma semplicemente scoprire una gamba e rimanere in posizione seduta o supina. Viene così posizionato un bracciale simile a quello della misurazione della pressione e controllata la pressione del sangue. Il test generalmente dura 20-30 minuti, durante i quali si consiglia di rimanere fermi e tranquilli.

Non ci sono rischi di effetti collaterali e il risultato si ha subito dopo aver condotto il test.