top of page
  • Redazione

L'ACIDO LIPOICO, UN ANTIOSSIDANTE CON MOLTE POTENZIALITÀ

Aggiornamento: 6 dic 2022


L'acido lipoico è un componente nutritivo presente in molti alimenti: broccoli, spinaci, carote, carne rossa, cavoletti di Bruxelles, lievito di birra, pomodori, piselli, barbabietole rosse. Conosciuto anche come acido tiottico o ALA (Alfa Lipoic Acid), si tratta di una molecola che ha proprietà antiossidanti piuttosto spiccate e per questo motivo è stata studiata, al fine di trovarne applicazione nella cura di alcune patologie.


Cosa fa

Una volta assorbito nel nostro corpo, l'acido lipoico arriva nei mitocondri ed esplica il suo potere antiossidante, neutralizzando le specie reattive dell'ossigeno, cosiddetti radicali liberi, rigenerando altri antiossidanti come le vitamina C ed E e il glutatione, chelando i metalli pesanti e riparando le proteine ossidate.

Come conseguenza di queste sue proprietà biologiche, l'acido lipoico può trovare utilità nelle condizioni patologiche in cui sono implicati i radicali liberi e lo stress ossidativo, come ad esempio il diabete mellito.


La sua utilità nelle neuropatie

Nella complessità di questa grande patologia, l'aspetto su cui l'acido lipoico potrebbe essere utile è la polineuropatia diabetica. Questa è una sofferenza legata al sistema nervoso, che si traduce in dolori, formicoloii, bruciori, fastidi agli arti, soprattutto inferiori, e comune a molti pazienti con diabete mellito. L'acido lipoico è stato testato in pazienti diabetici con questa sintomatologia in più studi, negli ultimi 20 anni, della durata variabile: da pochi giorni fino a 4 anni. In alcuni di essi, ma non tutti, ha migliorato i sintomi percepiti; in uno dei più recenti, la somministrazione di un integratore a base di acido lipoico ha diminuito il dolore e la disabilità indotta dalla neuropatia.


Come usarlo

L'acido lipoico si può usare puro, all'interno di integratori, generalmente capsule ma anche bustine o compresse. Si consiglia una quantità che va da 600 mg a 1200 mg al giorno, per periodi non inferiori a 2-6 mesi, al fine di osservare un effetto percepito. Si tratta di una molecola sicura, che tuttavia in alcune persone può conferire un odore sgradevole alle urine, senza alcuna conseguenza per la salute.



Bibliografia:

El-Nahas MR, Elkannishy G, Abdelhafez H, Elkhamisy ET, El-Sehrawy AA. Oral Alpha Lipoic Acid Treatment for Symptomatic Diabetic Peripheral Neuropathy: A Randomized Double-Blinded Placebo-Controlled Study. Endocr Metab Immune Disord Drug Targets. 2020 (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32370731)

Golbidi S, Badran M, Laher I. Diabetes and alpha lipoic Acid. Front Pharmacol. 2011 Nov 17 (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3221300)







1 visualizzazione0 commenti
bottom of page