top of page
  • Redazione

COSA SIGNIFICA MANGIARE BENE?



Una dieta equilibrata e varia, composta da un'ampia gamma di cibi nutrienti e gustosi, aggiunge anni alla vita e vita agli anni. Tuttavia, il carico di malattie associate a una cattiva alimentazione continua a crescere nella regione europea dell'OMS. Diete malsane, sovrappeso e obesità contribuiscono a gran parte delle malattie non trasmissibili (NCD), comprese le malattie cardiovascolari, il diabete di tipo 2 e alcuni tipi di cancro, che insieme sono i principali killer europei. Le indagini nazionali nella maggior parte dei paesi indicano un consumo eccessivo di energia, grassi saturi, grassi trans, zucchero e sale; oltre a un basso consumo di verdura, frutta e cereali integrali; e un numero crescente di persone con obesità, tutte cose che non solo riducono l'aspettativa di vita, ma danneggiano anche la qualità della vita. Allo stesso tempo, in alcuni paesi e tra alcuni gruppi vulnerabili, la malnutrizione rimane una preoccupazione.


Per mantenere uno stile di vita sano, l'OMS consiglia di mangiare 400 g di frutta e verdura al giorno; ridurre l'assunzione di grassi, zuccheri e sale; e regolare attività fisica.


Sale

L'eccessivo consumo di sale (più di 5 g al giorno) aumenta la pressione sanguigna, un importante fattore di rischio per malattie cardiovascolari come malattie cardiache e ictus, la principale causa di morte nella regione europea dell'OMS.si raccomanda una riduzione a 5 grammi al giorno per gli adulti, e per i bambini un massimo di 2 g/giorno di sodio aggiustato verso il basso in base al fabbisogno energetico dei bambini rispetto a quello degli adulti. Questo significa un cucchiaino da the per gli adulti, uno di caffè per i bambini. Attenzione: va considerato anche il sale già presente nei cibi, ad esempio formaggi, salumi, snack, merendine, biscotti, etc.


Zuccheri

Gli zuccheri liberi includono monosaccaridi e disaccaridi aggiunti a cibi e bevande dal produttore, cuoco o consumatore, e zuccheri naturalmente presenti nel miele, sciroppi, succhi di frutta e concentrati di succhi di frutta. I dati disponibili suggeriscono che le principali fonti di zuccheri nella dieta delle persone nella regione europea sono le bevande zuccherate e gli alimenti dolci, compresi i dolciumi (caramelle/caramelle), cioccolatini, torte, pasticcini e biscotti.

Un adolescente su 4 mangia dolci e uno su 6 consuma bevande zuccherate almeno una volta al giorno. Ciò nonostante si osservi un calo del consumo di dolci e bevande analcoliche e un aumento del consumo di frutta e verdura dal 2014 (dati Health Behaviour in School-aged Children (HBSC) 2018). Sebbene l'assunzione vari tra i paesi della regione europea, i dati disponibili mostrano che la maggior parte degli adulti consuma più del 5% dell'energia dagli zuccheri aggiunti (circa 25 g/giorno di zuccheri aggiunti, ipotizzando una dieta media di 2000 Kcal). Alcuni gruppi di popolazione superano il 10% (circa 50 g/giorno), con i giovani uomini che hanno i livelli assoluti più elevati.

Sia negli adulti che nei bambini, l'OMS raccomanda di ridurre l'assunzione di zuccheri liberi a meno del 10% dell'apporto energetico totale e idealmente a meno del 5%.


Frutta e verdura

Il rapporto dell'OMS/FAO raccomanda 400 g di frutta e verdura commestibile al giorno come obiettivo di assunzione a livello di popolazione per la prevenzione delle malattie non trasmissibili, nonché per la prevenzione e l'allevamento di diverse carenze di micronutrienti. Ciò si traduce in circa 5 porzioni da 80 g al giorno. Patate, patate dolci, manioca e altre radici amidacee non sono classificate come frutta o verdura.


Cibi ultralavorati

Un altro gruppo di alimenti cui fare grande attenzione nel regime dietetico quotidiano è quello dei cibi ultralavorati, ovvero di quelli che vengono prodotti industrialmente e vengono consumati a distanza di tempo. Il loro profilo nutrizionale è stato studiato e sono stati collegati all'aumento di malattie come cancro, declino cognitivo e morti premature per patologie prevenibili. Ne parliamo approfonditamente in questo articolo: https://www.farmaciacampagnola.it/post/i-cibi-ultralavorati-una-minaccia-quotidiana-alla-salute


Bibliografia:

Focus on Nutrition - OMS (https://www.who.int/europe/health-topics/nutrition#tab=tab_3)

Ultra-processed foods, diet quality and human health - FAO (https://www.fao.org/3/ca5644en/ca5644en.pdf)





2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page