top of page

COME DIFENDERSI DALLE ZECCHE: I PRODOTTI REPELLENTI

Aggiornamento: 29 lug 2023



Per prevenire le punture di zecche, è possibile usare sia repellenti sintetici che repellenti naturali. Questi ultimi sono prodotti derivati da piante che hanno un'azione repulsiva nei confronti delle zecche e altri insetti. In questo articolo vedremo quali sono i migliori repellenti per zecche, come usarli e quali sono i consigli pratici per difendersi dalle zecche.

I repellenti sintetici contro le zecche

I repellenti per zecche non naturali sono sostanze sintetizzate in laboratorio, di solito vengono applicati sulla pelle o sui vestiti per impedire alle zecche di mordere o attaccarsi. Il repellente per zecche non naturale più comune è il DEET (dietiltoluamide), una sostanza chimica sviluppata dalle forze armate statunitensi e dal Dipartimento dell'Agricoltura negli anni '40. DEET è efficace nel tenere lontane le zecche, ma può anche presentare alcuni inconvenienti, come irritazione, odore e possibili interazioni con indumenti o altri prodotti chimici. Uno studio ha mostrato che il DEET ha ridotto il rischio di punture di zecca dell'81% rispetto a nessun repellente. Il consiglio è di applicarlo partendo da basse percentuali (non oltre 20-25%), testandone l'efficacia, prima di passare a quelli ad alta concentrazione, perché possono arrivare fino al 50% di DEET.

I repellenti naturali contro le zecche

I repellenti naturali per zecche sono prodotti derivati da piante che hanno un'azione repulsiva nei confronti delle zecche e altri insetti. I repellenti naturali più efficaci e usati sono gli oli essenziali, sono sostanze aromatiche estratte da diverse parti delle piante. Gli oli essenziali hanno un'azione variabile contro le zecche e altri insetti, a seconda della specie vegetale da cui derivano. I più usati sono la citronella, il geranio, la lavanda, il garofano e la menta. Ognuno di essi ha un'azione paragonabile. Gli oli essenziali sono sicuri per l'uso sulla pelle, purché siano diluiti in una base oleosa o cremosa e si applichino con moderazione e seguendo le istruzioni. Gli oli essenziali possono avere effetti collaterali come irritazioni cutanee o reazioni allergiche; quindi, è sempre bene provarne una piccola quantità prima di spalmarli su tutto il corpo, specialmente sulle pelli reattive. I repellenti naturali per zecche si usano applicandoli sulla pelle esposta o sui vestiti prima di entrare in zone a rischio di punture di zecche. Si devono riapplicare più frequentemente dei repellenti sintetici, perché hanno una durata minore. Si devono evitare il contatto con gli occhi, la bocca, le mucose e le ferite. Si devono lavare le mani dopo l'uso.


Consigli pratici per difendersi dalle zecche

Oltre all'uso dei repellenti, ci sono altri consigli pratici per difendersi dalle zecche, come:

  • Indossare vestiti chiari, lunghi e aderenti, che coprano bene la pelle e che rendano più facile individuare le zecche.

  • evitare di camminare tra i cespugli, l'erba alta o il fogliame, dove le zecche si nascondono in attesa di un ospite.

  • controllare spesso il corpo, i vestiti e gli oggetti personali alla ricerca di zecche, soprattutto dopo essere stati in zone a rischio.

  • rimuovere subito le zecche eventualmente attaccate alla pelle, usando una pinzetta o uno strumento apposito, afferrando la zecca il più vicino possibile alla pelle e tirando delicatamente verso l'esterno senza torcere o schiacciare la zecca. Disinfettare bene la zona della puntura e lavarsi le mani. In questo articolo spieghiamo nel dettaglio la procedura.

I repellenti più adatti per i bambini e le donne in gravidanza

I bambini e le donne in gravidanza sono categorie particolarmente vulnerabili alle punture di zecche e alle malattie che trasmettono. Per questo motivo, è importante scegliere i repellenti più adatti per loro, che siano sicuri ed efficaci. I repellenti a base di DEET, a condizione che si usino concentrazioni basse (non superiori al 10%) vanno applicati con parsimonia e seguendo le istruzioni. Il DEET non va usato nei bambini sotto i 2 mesi di età e nelle donne in gravidanza o in allattamento. I repellenti a base di oli essenziali diluiti in una base oleosa o cremosa possono essere usati sia nei bambini che nelle donne in gravidanza e allattamento. Meglio prediligere sempre piccole quantità e considerare anche l’uso su superfici diverse dalla pelle. Dal momento in cui gli insetti sono repulsi dagli olii essenziali, è possibile mettere qualche goccia di repellente odoroso (oppure qualche spruzzo, se spray) su un fazzoletto di carta, da mettere accanto al letto o comunque in una zona dove si soggiorna. Un modo più creativo è usare miscele di olii essenziali concentrati da nebulizzare con un umidificatore ad ultrasuoni, in modo da saturare di aromi stanze anche di parecchi metri quadri. Questi casi, dal momento in cui l’uso del prodotto non è a contatto della pelle, possono applicarsi sia ai bambini che alle donne in gravidanza e allattamento.


Bibliografia




55 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page