top of page

COME RIMUOVERE LE ZECCHE, TRA CONSIGLI PRATICI E FAKE NEWS

Aggiornamento: 19 set 2023



Per prevenire le malattie trasmesse dalle zecche, è importante rimuovere le zecche eventualmente attaccate alla pelle il prima possibile e in modo corretto. In questo articolo vedremo come rimuovere le zecche in modo sicuro e efficace, quali sono le fake news da evitare e quali sono le prove scientifiche che sostengono i consigli pratici.Cos'è il vaccino contro la TBE e come funziona



A fine 2023 è diventata nuovamente virale la bufala del fiammifero

Quali sono le fake news da evitare

Sul web e tra le persone circolano molte fake news su come rimuovere le zecche, che possono essere dannose per la salute e favorire la trasmissione delle malattie. Tra le fake news più diffuse ci sono:

  • applicare sostanze come alcool, olio, vaselina, colla, smalto o candela sulla zecca per soffocarla o stordirla. Queste sostanze non hanno alcun effetto sulla zecca e possono anzi irritarla e farle espellere saliva o liquido intestinale nella pelle, aumentando il rischio di infezione.

  • bruciare la zecca con un fiammifero acceso o una sigaretta per farla staccare. Questo metodo è pericoloso perché può causare ustioni alla pelle e non fa staccare la zecca, ma la fa solo arrostire.

  • torcere o "svitare" la zecca per farla staccare. Questo metodo è sbagliato perché può causare la rottura della zecca e lasciare parti del capo o della bocca nella pelle, favorendo l'infezione.

  • aspettare che la zecca si stacchi da sola dopo aver finito di nutrirsi. Questo metodo è sconsigliato perché più la zecca rimane attaccata alla pelle, maggiore è il rischio di trasmissione delle malattie. Inoltre, la zecca può rimanere attaccata per giorni o settimane, causando irritazione e infiammazione.

Una bufala che è diventata virale (probabilmente non per la prima volta) alla fine dell'estate 2023 (ecco uno dei post più diffusi) è quella di strofinare un fiammifero intorno alla zecca mentre è attaccata alla pelle, perché "Pazza per il sapore dello zolfo umido, la zecca è disposta a lasciare il nostro corpo, se sente questo odore." e addirittura "Dopo pochi secondi la zecca si staccherà la testa da sola, e salirà sul fiammifero per assaporare l'odore dello Zolfo!". Questi estratti sono accompagnati da numerose informazioni sbagliate che hanno come unica conseguenza di ritardare il distacco della zecca dal corpo o addirittura di effettuarlo nel modo sbagliato. E' il caso di sottolineare come non ci sia alcuna prova che la zecca gradisca lo zolfo al punto da staccarsi dal corpo, ma sia più probabile che questa operazione la inviti ad ancorarsi ancora di più col rostro nella carne dell'ospite, peggiorando la situazione.

Afferrare saldamente la zecca vicino al corpo con una pinzetta adatta è il miglior modo per staccarla

Come rimuovere le zecche in modo sicuro ed efficace

Per rimuovere le zecche in modo sicuro ed efficace, si consiglia di seguire questi passaggi:

  • Usare una pinzetta o uno strumento apposito per rimuovere le zecche, che si può acquistare in farmacia o online. Non usare le dita, le unghie, le forbici o altri oggetti che potrebbero schiacciare o danneggiare la zecca.

  • Afferrare la zecca il più vicino possibile alla pelle, senza stringere troppo o torcere. Tirare delicatamente verso l'esterno con un movimento costante e deciso, senza scatti o strappi. Non tirare la zecca per le zampe o per il corpo, perché potrebbero staccarsi e rimanere nella pelle.

  • Controllare che la zecca sia stata rimossa completamente, senza lasciare parti del capo o della bocca nella pelle. Se ci sono dei residui, provare a rimuoverli con la pinzetta o con un ago sterile. Se non si riesce a rimuoverli, consultare un medico.

  • Disinfettare bene la zona della puntura con acqua e sapone o con un antisettico. Lavare bene le mani e lo strumento usato per rimuovere la zecca.


Bibliografia




74 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page