top of page
  • Redazione

LE PATOLOGIE STAGIONALI



In medicina esiste un'ampia porzione di malattie che, pur non essendo gravi, dominano studi medici e farmacie per un arco temporale piuttosto ampio, che va da ottobre a marzo: le infezioni delle alte vie aeree. Si tratta di piccole patologie che trovano a disposizione una ricca dotazione di farmaci, tuttavia non sempre efficaci e necessari. Nella stragrande maggioranza dei casi infatti si tratta di infezioni virali che guariscono da sole e al più possono giovarsi di rimedi che aiutano a sopportare meglio i loro sintomi, spesso leggeri, talvolta più intensi.


Raffreddore

Caratterizzato da naso chiuso e scarico nasale, spesso inizia con la gola che gratta leggermente e può dare anche febbre e mal di testa. Quando la difficoltà di respirazione incide sul riposo notturno, lavaggi nasali con acqua fisiologica/ipertonica e spray decongestionanti possono aiutare a respirare meglio. Un analgesico (Tachipirina) o antinfiammatori (Moment, Momendol) possono far sentire un po' meglio. Unguenti balsamici (pinacee, eucalipto, mentolo) sul petto e schiena ed eventualmente anche attorno al naso migliorano la percezione di decongestione nasale.


Influenza

Patologia virale dai sintomi simili al raffreddore, è causata da influenza virus che ogni anno cambiano, ma generalmente i predominanti sono di tipo A e B. Il modo principale per prevenirla sono il lavaggio delle mani e la copertura di naso e bocca, oltre naturalmente alla vaccinazione. I farmaci da usare sono gli stessi del raffreddore, con la febbre da tenere sotto controllo e non da reprimere, specialmente nei bambini.


Tosse

Componente classica delle patologie virali, è di origine batterica solo in piccola quantità (10-15% a seconda degli studi). Gli sciroppi per la tosse, densi e zuccherini, sono spesso utili, grazie specialmente al loro effetto lenitivo a livello della gola. Gli unguenti balsamici (Vicks Vaporub), spalmati su petto e schiena, possono giovare alla respirazione e alla severità dei sintomi. Anche l'aerosol, a base di acqua fisiologica, ipertonica e ambroxolo, aiuta a stare meglio.


Mal di gola

Un classico sintomo del raffreddore, a volte è patologia a sé, specialmente quando diventa predominante rispetto agli altri sintomi. In questi casi viene a chiamarsi faringite e può necessitare terapia antibiotica, ma soprattutto (se non solamente) quando ha come responsabile lo Streptococco Beta Emolitico di Gruppo A, nei bambini sotto i 10 anni.


Laringite

Inizia con un piccolo fastidio e poi, improvvisamente, la voce è sparita: si chiama laringite, ovvero infiammazione della laringe. Nonostante nella vulgata popolare si pensi che le pastiglie per la gola sono benefiche, spesso esiste a prescindere dalla faringite e quindi solo riposo vocale, idratazione, anti infiammatori e aerosol sono l'unica terapia.


Il ruolo della fitoterapia

Nelle patologie invernali trovano utilità anche delle piante medicinali con pochi eguali nel panorama fitoterapico. Pelargonium Sidoides, geranio i cui estratti sono commercializzati come Kaloba, ha attività antivirale ed è consigliato ai primi sintomi per aiutare il corpo a combattere l'infezione. La famiglia dell'echinacea invece ha la capacità di stimolare le difese immunitarie, grazie ai suoi componenti polisaccaridici e derivati dell'acido caffeico. Le sue prove di efficacia sono meno consistenti di quelle del pelargonium sidoides, ma affascinanti e suggestive per la loro unicità.


Bibliografia:

Goodman & Gilman's the pharmacological basis of therapeutics. New York, McGraw-Hill. (2018) 21th ed.

Mandell, Douglas, and Bennett's Principles and Practice of Infectious Diseases - 8th ed. - 2015

Campanini E. - Dizionario di fitoterapia e piante medicinali, Tecniche Nuove. (2012) 3° ed.




3 visualizzazioni0 commenti
bottom of page